ANCORA UNA E ME LA TENGO

Non sapevo che i giapponesi sono delle persone alle quali non bisogna mai chiedere nulla.

Se lo si fa, loro si sentono obbligati a soddisfare la richiesta.

Sembra che sia una forma di educazione alla quale non riescono a dir di no.

Immaginatevi se una schiera di “paraculi” (persone che ti chiamano solo quando hanno bisogno) sbarcassero in Giappone, diventerebbero presidenti in giro di poco tempo.

Qualcosa di giapponese deve essere radicato in me o meglio, qualcosa di sentirmi sempre in dovere a risolvere i problemi degli altri. Le mie idee sono sempre state alla mercee e  a disposizione di quelli che mi circondavano.

Una delle mitiche idee fu quella di 17 anni fa, quando, un cliente entrò nel negozio e con la faccia alquanto provata e in evidente stato di affaticamento cominciammo a parlare del perché era così sfibrato.

Mi raccontò che era stato a fare dei rilievi in posti molto impervi dovendo raggiungerli a piedi. Il suo lavoro era quello di verificare che non ci fossero stati smottamenti, anche minimi del terreno.  Immaginate le frane da monitorare in modo da avvertire in anticipo possibili smottamenti e pericoli.

Sarà stata un fatalità ma in quel periodo ero martellato e provato da moltissime notizie di incendi che stavano devastando l’Italia intera. Avevo in mente un modo per vigilare ì boschi e attivare in breve tempo i vigili del fuoco. La mia idea era di posizionare delle “termo-telecamere” che controllavano l’ambiente più “appetibile” ai piromani e collegate ad un software (rilevando il cambiamento di temperatura tra un fotogramma ed un’altro), sarebbe stato l’anello di collegamento  tra la telecamera , ambiente e vigili del fuoco.

Un semplice programma che 17 (18) anni fa già cominciava a farsi vedere per monitorare le case e controllare se c’era un intruso. Immaginate di proporre al computer 2 foto quasi uguali e il computer individua la differenza e fa partire un allarme. Tutto questo oggi è realtà.

17 (quasi 18) anni fa era tutto sul nascere e tutto era solo dentro alle teste come idee. Tornando al tipo sudato e distrutto, gli proposi di posizionare delle telecamere (abbastanza costose) puntate sulle frane/smottamenti e dei paletti di riferimento che posizionati sulle frane,in punti ben precisi, avrebbero messo in evidenza il loro eventuale spostamento.

Se un paletto o bandierina si fosse spostata anche di meno di un centimetro le telecamere collegate ad un pc e il rispettivo software avrebbe dato un allarme e solo allora ci si sarebbe attivati per verificarne l’evento, risparmiando, viaggi in elicottero e giornate di lavoro.

Fattostà  che passano i mesi e rivedo il “cervellone” e, ovviamente, gli chiesi come andavano le cose.

Mi ha raccontato di aver piazzato delle telecamere……….

SI ERA COMPLETAMENTE DIMENTICATO CHE FUI IO A PROPORGLIELO !!!

Cosa pensare, ma chi sono io per contrappormi a questi paraculi ? Senza memoria ?

Ho messo le pive nel sacco e ho continuato il mio lavoro.La prima idea ,almeno quella che mi ricordo ancora, avevo poco più di sette anni e ho mixato una serie di prodotti tossici/casalinghi e messi dentro ad uno spruzzino. Poi con spavalderia mi sono messo a camminare per il mio quartiere aspettando che qualche maleintenzionato venisse a “provare” sugli occhi il mio “SPRAY IRRITANTE”, dopo aver camminato per l’intero pomeriggio scoprì che il mio quartiere era a di ottima gente.

Un’altra idea che mi ha deluso è stata quella dell’estintore che soffoca le fiamme. Pensavo: il fuoco per alimentarsi ha bisogno dell’ossigeno, ma se gli sparassi un gas che lo soffoca, mi permetterebbe di spegnerlo in breve tempo. Non sapevo che esisteva già, quando ho avuto questa idea ero troppo piccolo per saperlo.

Un’altra idea era quella di …………. : avete presente che esiste da molti anni (penso almeno 30) uno strumento che puntandolo su di un oggetto ti dice a quanti metri si trova, l’idea era di applicarlo ai freni di un’automobile aggiungendo il dato della velocità. Se le misurazioni fossero state “pericolose” l’impianto avrebbe frenato l’auto in automatico per evitare l’impatto.

Inventata e applicata anche questa da iper ingegneri.

Di ultimi giorni quelle della telecamera a infrarossi che….

Questa non ve la dico ma vi lascio immaginare.

Ho ancora in mente come individuare se qualcuno mi sta’ riprendendo, ma  non ve lo vengo mica a raccontare, tanto tra poco lo vedrò nel mercato.

Avevo pensato a eliminare o almeno disturbare qualsiasi onda radio in ricezione e trasmissione nei paraggi, ho scoperto che hanno recuperato una tecnologia usata nei jet militari e si chiama JAMMER.

Avevo pensato a scaldarmi i guanti con una serpentina collegata alla batteria della motocicletta, idea che mi è venuta dopo essere stato in Valsugana il 31 dicembre del 1991 con freddo e neve incredibile e senza guanti ! Li avevo lasciati sopra alla capotta dei miei  amici che avevano ben pensato di partire a manetta ……

Nel 1991 quei guanti non esistevano… ora ci sono anche le giacche riscaldati in quella maniera.

Pensavo ad un casco che sulla visiera vengono “proiettate le informazioni”, la BMW lo sta già facendo sui prabrezza delle autovetture di altissima gamma.

Avevo anche pensato  a mettere un borraccia “morbida” dentro uno zaino tecnico per chi pratica sport di resistenza aerobica….

Avevo pensato alla pelle dei delfini, che in base alla velocità si deforma per evitare le turbolenze dell’acqua e gli permettono di essere uno dei pesci più veloci, pensavo ad un costume da bagno simile alla sua pelle…… da pochi anni esiste e sembra che funzioni….

Avevo pensato a mettere una specie di piattello, davanti ad un sommergibile, questo piattello avrebbe creato una specie di ambiente quasi privo di turbolenze e permesso al mezzo di andare più veloce…. (e in studio una cosa esattamente uguale).

Avevo pensato che tutto è energia e frequenza, anche in nostri pensieri, allora si potrebbe leggere i pensieri della gente cercando le frequenze giuste…. (brevetto militare dei nostri giorni).

Avevo pensato di distruggere le tarme dei mobili con le microonde, ebbene anche questo esiste, ma peggio di come lo avevo pensato, quindi è ancora migliorabile.

Poi questa è stata quella che mi ha fatto stare malissimo e per poco non ho pianto.

Questa che vi vado a raccontare, come tutte le altre idee, l’avevo posta al vaglio di cervelloni ingegneri e luminari della scienza, ricevendo un sonoro ……… lasciamo perdere.

Immaginate di montare un pannello fotovoltaico sul tetto della vostra casa. Bene il pannello rimane fermo e il sole  lo irradia, lo sappiamo tutti. Esistono dei pannelli , chiamati “ad inseguimento” , seguono il sole in modo da avere sempre il massimo dell’irradiazione solare. Sono pesanti e costosi.

Bene, avevo pensato e proposto  degli specchi da mettere sopra e sotto il pannello fotovoltaico.

Questi specchi avrebbero deviato la luce del sole verso il pannello.

L’idea era semplice e secondo me molto funzionale.

Non mi sono perso d’animo e ho illustrato la mia idea a cervelloni e illustri signori.

Scartato e messo alla porta con un sorrisetto alquanto imbarazzante.

I primi di maggio a Verona c’e’ stata la fiera del fotovoltaico. Giro per la fiera con gli occhi che fanno la spirale tipo Ser Bis (quello di Robin Hood) e che te trovo ? L’idea appena esplicata con  tanto di brevetto registrato nel 2007  e spiegazioni sul rendimento di circa il 40 % in più rispetto un pannello normale.

Mi è venuto da piangere, la delusione fu molto grande. Ho abbandonato la fiera e sono tornato a casa con molte riflessioni.

Adesso ho altre quattro idee, di cui 2 già comunicate e 1 di queste due sto cercando di applicarla, con un amico che fa il tornitore. Intanto il tempo passa, il progetto l’ho già disegnato con il 3d. Un carissimo amico ingegnere è rimasto colpito e ha detto di muovermi subito. Ma il tornitore ha molto lavoro e non riesce a stare dietro al sogno che percorro ora.

Ora lo chiamo sogno , sicuro che , domani svegliandomi lo troverò già realizzato da qualcun altro !

E i siti internet che mi sono  venuti in mente, questo è uno di quelli.

Tralascio volutamente tutti i consigli dati a gente che è stata assunta per fare certe cose e non sapeva farli se non dopo averne parlato con me… tipo quello che aveva il compito di registrare molte trasmissioni video e …… avevo detto che non ve lo dicevo !

Dimenticavo e quello dell’HHO ? Mi sono fermato ma in questo caso non ho la conoscenza per andare avanti.

A.L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *