L’aspetto inganna

Sono a mangiare fuori, in un localino nel centro della mia città. Serata di mezza settimana, tempo freddo (inverno), ristorante con pochissima gente. Entrano due tossici barcollanti e si mettono a chiedere “di chi e’ la macchina (una macchina scassata) verde che e’ qui davanti ?” nessuno risponde e i due  personaggi insistono. Ma dove vogliono andar a parare questi due, mi chiedo, le inventano tutte pur di ottener “due lire”. Dopo un po’ si alza un tipo (saputo poi essere un professor tal dei tali spilorcio e meticoloso) e con voce stridula dice che e’ sua.

Finalmente vedo cosa succede e uno dei due “tipacci” gli si avvicina e gli dice che ci sono le chiavi sul cruscotto, se vuole glie le va’ a prendere.

Ormai e’ fatta voglio vedere come gli dici di no…. infatti il proff. accetta.

Un istante dopo uno dei due ritorna e gli porge le chiavi, raccomandandolo di stare più attento, perché di questi giorni non ci si può fidare di nessuno e in giro c’e’ della brutta gente. lo salutano ed escono, il proff. non ha  aperto bocca. Io invece l’ho chiusa dalla meraviglia.

D.R.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *